colin firth
Si basa su fatti reali, il dramma storico adattato nel film ” The Railway Man(Un Lungo Viaggio sarà il suo titolo in Spagna), con Nicole Kidman e Colin Firth, avrà la sua premiere in Spagna, il 13 di dicembre (anche se prima si passa il Festival di San Sebastian). La storia è ispirata all’autobiografia di Eric Lomax, un libro pubblicato nel 1995, con lo stesso titolo.

nicole kidman

Per coloro che non hanno familiarità con Lomax, io dico un po ‘ di storia: Eric Lomax, si arruolò nell’esercito britannico come un esperto in segnali allo scoppio della seconda Guerra Mondiale. Inviato a Singapore, è stato catturato nel 1942 dai giapponesi e trasferito alla prigione di Changi, un luogo in cui, con altri colleghi, si ottiene per la produzione di una radio con lo scopo di conoscere le notizie degli alleati nella guerra. In uno dei trasferimenti, Lomax, che è interessante notare che era appassionato di ferrovie, è in grado di passare i controlli e introdurre il rudimentale radio in un biscotto della latta nel lungo cammino che attende lui e i suoi compagni su un treno merci in cui si troveranno a trascorrere lunghe ore di duro lavoro di costruzione della linea ferroviaria tra Siam e la Birmania, una linea che in seguito sarebbe stato conosciuto come ‘la morte line’. Ma quei lavori sono stati solo l’inizio di ciò che stava per accadere; il giapponese ha trovato la radio di Lomax e poi scatena il vero e proprio calvario. Lomax è stato accusato di spionaggio e, nonostante i loro sforzi per spiegare l’uso della radio come mezzo informativo e non militare loro rapitori sottoposto a varie torture e interrogatori.

Conferenza cinematografica

Interrogatori in cui ha avuto un ruolo speciale Takashi Nagase, che ha agito come interprete per Lomax tradurre le varie domande e minacce di morte. Dopo la guerra, Lomax è venuto fuori che prova e ha cercato di continuare con la sua vita: ha lavorato come un telegrafo operatore e giornalista, scrivendo articoli sulle ferrovie cercando di essere attivo di distanza dal trauma del passato. Tuttavia, è diventato molto danneggiato psicologicamente, e una volta in pensione i loro incubi e attacchi di panico erano aggravate. Con sua grande sorpresa, un vecchio compagno di carcere, gli mostrò il ritaglio di un articolo contenente l’azione di Takashi Nagase, poi, dopo la guerra, egli si era dedicato alla individuazione dei prigionieri che sono stati torturati a chiedere disuclpas e in che Nagase ha garantito che tutte le loro vittime aveva perdonato. La moglie di Lomax ha scritto Nagase dire che non era vero, perché suo marito non aveva chiesto scusa. Nagase ha detto in un’altra lettera, il suo desiderio di incontrarsi con Lomax, un incontro che avvenne nel 1993, in un luogo che è molto rappresentativo per entrambi: il ponte sul fiume Kwai (anche resi famosi da David Lean, con il suo film Il Ponte sul Fiume Kwai).

conferenza

Nel 1998, Nagase intuito che non sarebbe vissuto molto più a lungo, e entrambi hanno concordato di incontrarsi di nuovo prima di angoscia per i giapponesi il dubbio che Lomax non hanno perdonato. Tuttavia, Lomaxmantuvo la sua posizione: “Dopo il nostro incontro mi cadde in uno stato di pace e di determinazione. Il perdono è possibile, quando qualcuno è pronto ad accettare le sue scuse.”

Ora, l’australiano Jonathan Teplitzky porta sul grande schermo la storia di questo scozzese che, dopo una vita di trauma è morto quasi un anno fa all’età di 93 anni.

Vi lasciamo con il recente trailer.